giovedì 2 marzo 2017

Quell'inverno a Parigi...

[...]
Si stava meglio quell’inverno a passeggiare ai piedi della Torre Eiffel
e non vorrei morire a Saint Tropez o alle Seychelles
ma sotto il cielo grigio di Parigi con te.


Grazie Emis Killa ed a Neffa per questa canzone perchè i ricordi scorrono seriamente molto bene su questo testo, sopratutta per quell'inverno a Parigi a passeggiare ai piedi della Torre Eiffel e di quegli equilibri fragili che ci hanno visto però no, non ci siamo persi, ne tantomeno abbiamo preso strade diverse, o meno, non diverse fra me e te ma diverse da quella prima passeggiata. Abbiamo imboccato una direzione che io non prevedevo nemmeno ed ora siamo qui, con tutta la nostra positività e sinceramente non vorrei morire da nessun altra parte se non sotto il cielo grigio di Parigi CON TE.

Parigi è sempre parigi, sono arrivata ad odiarla a trattarla come la trattano i Parigini, bella, bellissima, incantevole ma con uno sguardo stanco di vedere la stessa identica città ogni volta e quindi l'ho snobbata, l'ho -spesso e volentieri anche- sminuita ma in realtà è una città che è difficile dimenticare e per me e per chi mi conosce sà che le città difficili da dimenticare sono quelle che mi hanno dato più emozioni di tutte e una di queste è Zadina di cervia; Per dire: ridente cittadella con 2 rotonde e 24 colonie, 1km di spiaggia 7 campeggi e 18 piadinari. Sono matta? forse, ma lì ho visto e vissuto il mio primo amore, la prima volta che ho messo il reggiseno (passando da una -10 ad una 3 mannaggia a me), la prima volta che ho baciato un ragazzo, la prima volta che ho giocato a D&D, la prima volta che ho ricevuto uno schiaffo da un amico e che ho indossato un vestito ad un età cosciente di quello che indossato. La prima volta che ho mentito e tradito... 

Insomma come posso dimenticare quegli scenari? 
Come posso dimenticare Parigi? 
Come si fà a dimenticare Parigi? 

Io non riesco a dimenticare queste cose, in compenso però dimentico tutto il resto, dalle date (anche quella del mio matrimonio) a dove ho messo il portafoglio o la borsa o le chiavi, oddio le chiavi, quante volte le avrò perse, almeno una dozzina e mia madre a strillare come una fossennata "e se le trovano e ci entrano in casa?" per anni ho avuto il terrore ma di questo passo le chiavi di casa nostra le ha mezzo quartiere per quante volte le ho perse e non sono mai entrati.. siamo al sicuro oramai!

ma dicevo, ogni tanto mi perdo anche nei discorsi, lo avevate notato?
Dicevo! Concentrati Dada!
Dicevo che Parigi è Parigi e tu sei Tu, che cosa banalmente ovvia,
Tu sei Me e Tu e Me siamo un NOI grande come una casa, 
di più grande come Parigi e forse anche grande come la costa azzurra, che non ho mai visitato ma a questo punto, visto la mia voglia di mare potremmo andare... 
in realtà altro che costa azzurra, quest'estate Lido di Savio, la vicinanza con Zadina è molto molto ristretta, dovrei sperare di non dimenticarlo? probabilmente sarà un ricordo comunque importante, è la prima volta in campeggio con quella "strada che abbiamo imboccato" che si chiama Gadiel quindi sarà sicuramente un ricordo intenso.

Sproloquiando ci si legge appena ho qualcosa d'altro da dire.


Nessun commento:

Posta un commento